.
Annunci online

inpartibusinfidelium
ERESIE CONGETTURE DUBBI MEMORIE dalla parte degli infedeli

"IN PARTIBUS INFIDELIUM"

dedicato a Leonardo Sciascia

"a futura memoria, se la memoria ha un futuro"

!!DISCLAIMER!!: codesto weblog non rappresenta una testata giornalistica o prodotto similare, giacchè viene aggiornato senza alcuna periodicità. In tal guisa, codesto weblog non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n°62 del 7.03.2001. Le immagini talvolta inserite in codesto weblog sono tratte in massima parte dalla rete di Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, comunicatelo postando nel blog: saranno rimosse a strettissimo giro. 

I contenuti inediti di questo blogsono pubblicati sotto una
Licenza Creative Commons.
Se riprodotti altrove, la loro paternità va attribuita
specificando il nome dell’autore e il titolo di questo blog,
e inserendo un link all’originale o citandone l’indirizzo.
I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato
sono di proprietà dell'autore.

Avvertenza ai navigatori: elimino i commenti anonimi, quelli non pertinenti ma non quelli impertinenti, quelli oziosi, quelli stupidamente provocatori, quelli fasulli, insomma in my blog faccio quello che mi più mi garba.

IL GESTORE DI CODESTO WEBLOG NON E' RESPONSABILE DEL CONTENUTO DEI COMMENTI POSTATI. IN OGNI CASO, LADDOVE ESSI CONTENGANO ESPRESSIONI DIFFAMATORIE, SCURRILI E INCIVILI, SARANNO RIMOSSI.











 

 

23 ottobre 2009
VIAGGI
Scoop: confessione del blogger

Nel 1995, in agosto, mi recai in vacanza in Tunisia e passai anche per Hammamet dove viveva in esilio Monsieur lè President, alias Bettino Craxi, al quale inviai una lettera e due libri che Bettino molto apprezzò, inviandomi una lettera di suo pugno a settembre, con mittente sconosciuto, per ovvi motivi. Intanto però ad Hammamet non potetti frenare il mio istinto goliardico e burlesco e inviai una cartolina, con le spiagge della località tunisina, all'allora Procuratore Capo di Milano, Dr. Francesco Saverio Borrelli: ne parlarono i giornali - vedi in seguito - e dopo ormai 15 anni mi sembra sia venuto il momeno di svelare il mistero: la mandò codesto blogger, che ne è ancora orgoglioso e per nulla pentito, surrogandosi a Bettino.

LA POLEMICA

Quell' " offerta " a Craxi Il capo del pool smentisce

MILANO . Cresce la polemica tra il pool Mani Pulite e l' avvocato Carlo Taormina. Oggetto del contendere: la presunta promessa di "non arrestare Craxi in cambio del rientro in Italia". Una "offerta di accordo" riaffermata ieri dal difensore del leader psi, ma smentita da tutti i magistrati: dal procuratore Saverio Borrelli al sostituto Paolo Ielo (nella foto), che aveva ottenuto i due mandati di cattura contro Craxi.
E da Hammamet intanto arriva a Milano una cartolina beffa spedita a Borrelli da un sedicente "Bettino": "Molto meglio qui che a San Vittore. O no?".
Il nuovo turbinio verbale sul caso Craxi si era aperto l' altra sera con questa dichiarazione di Taormina a Telemontecarlo: "Un sostituto procuratore di Milano mi ha contattato, quest' estate, per cercare di convincere Craxi a tornare in Italia. In cambio, non sarebbe stato probabilmente arrestato. Ma io ho rifiutato qualsiasi accordo, perche' Craxi non ne ha bisogno". Ieri Borrelli ha replicato cosi' : "Escludo nella maniera piu' assoluta che uno dei miei sostituti possa avere fatto quella proposta a Taormina. Si tratta di una cosa talmente assurda che esula dalle nostre possibilita' operative. A meno che l' avvocato non si riferisca a un colloquio informale, puramente teorico, con un sostituto non del pool". Subito Taormina, per telefonino, ribadisce che "l' offerta ci fu", senza precisare chi l' abbia fatta, e soggiunge: "Considero gravissima l' accusa di dichiarare il falso rivoltami da Borrelli". Quindi tocca a Ielo smentire: "Se Taormina si riferisce a me, si tratta dell' ennesimo colpo di sole estivo". "Contattato quest' estate di fronte a due testimoni . precisa il pm ., ho fatto presente a Taormina che i provvedimenti per Craxi furono emessi sulla base del pericolo di fuga e che l' unico modo per eliminare questo presupposto era la presentazione spontanea del suo cliente". Dunque, "nessuna promessa e nessun impegno, anche perche' il potere di cattura e di liberta' non appartiene al pm ma ai giudici". Nel pomeriggio Taormina ribadisce la sua versione e annuncia querele contro Ielo e Borrelli. Quest' ultimo, in serata, ribatte: "Ielo ha detto una cosa sacrosanta. Chiarire che il pericolo di fuga cessa con la costituzione, e' un' ovvieta' . Tutt' altra cosa sarebbe stata una promessa"
Pagina 4
(7 settembre 1995) - Corriere della Sera


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. socialisti burloni

permalink | inviato da inpartibusinfidelium il 23/10/2009 alle 14:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte