Blog: http://inpartibusinfidelium.ilcannocchiale.it

la scomunica di Malvino

Ho sempre avuto - e anche tutt'ora - grande stima, e una smisurata simpatia, per l'autore dell'ottimo blog Malvino.

Molte cose ci hanno unito e ci uniscono, altre ci hanno diviso e ci dividono.
Stavolta sul Caso E - che ribattezzerei l'Affaire E - un mio post (quello che precede questo) ha urticato Malvino, che ha lasciato un post indignato con un commiato definitivo, quasi un testamento, sebbene non biologico.

Nell'apprezzare che è il mio post ad essere giudicato "stronzo", sperando che l'addio non sia così eutanasico - tanto per stare in thema - devo diro che capisco la reazione, giacchè Malvino - e quasi tutti i radicali (con alcuni sono reduce da una bella e anche dialettica discussione) - quando le obiezioni non sono di natura religiosa e/o non coinvolgono la posizione della Chiesa, quando cioè le loro idee e le loro battaglie sono criticate con altri argomenti, magari usando i loro argomenti, vanno un po' in crisi e talvolta in tilt.

E' che loro pensano di essere i solo custodi del verbo liberale e libertario, onde facilmente talvolta scivolano nel dogmatismo e nel settarismo, e non ammettono eresie, laddove, invero, proprio perchè il liberalismo e il libertarismo non sono ideologie o religioni politiche, possono essere declinate con libertà.

In ogni caso, sulla famosa foto di E - com'era, in che condizioni era - non pensino Malvino & company di spaventare nessuno e ricordino un efficace manifesto dl Partito Socialista durante il Referendum sul Divorzio, che così recitava:
"TIRERANNO FUORI LA FOTO DI TUO FIGLIO PER FARTI VOTARE COME ALMIRANTE".

E chi ha orecchie per intendere intenda.
Arrivederci.

Pubblicato il 16/2/2009 alle 1.29 nella rubrica ERESIE.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web